Possessum (Possessum #1) Summary ✓ 105

Read µ PDF, eBook or Kindle ePUB free º Silvia A.G. Mirth

Possessum Possessum #1Cubo ad occhi aperti Ricerche dopo ricerche visite alle personalità più misteriose e particolari di Parigi e sogni di antiche civiltà oramai estinte porteranno i due a vivere una realtà che mai avrebbero immaginato Un romanzo paranormale dai toni thriller e una sola domanda fondamentale come puoi combattere il male se il vero nemico è dentro di t. Prima di cominciare a parlare del libro vorrei dire una cosa non si deve mai giudicare un libro dalla copertina ma uando si vede la grafica di Possessum non si può far altro se non rimanere ammaliati dalla sua bellezza uindi vorrei fare tantissimi complimenti a Sylivia per uesto fantastico lavoro Hai creato la bellezzaLa recensione che segue invece verrà scritta durante tutto il corso della lettura; mi sarebbe piaciuto fare capitolo per capitolo ma la lettura prende così tanto che è impossibile almeno per me fermarmi per scrivere ualche pensiero di senso compiuto perché le uniche cose che potrei scrivere sarebbero asdfghjkl per intenderci Amo poter tenere Possessum tra le mani e so che più andrò avanti e più agognerò al seguito Per il momento sono arrivata a pagina 83 ed è proprio dal prossimo capitoli che la storia ingranerà uella marcia in più facendoci allontaare dall'introduzione del romanzo le sue linee guida e ci farà immergere nel pieno della storiaAncora non si sa molto piuttosto non si riesce a comprendere cosa stia accadendo prima a Régine e subito dopo ad Etienne Personaggi che sono destinati a crescere man mano che si sfogliano le pagine Una delle cose che apprezzo di più della scrittrice è il modo in cui riesce con un'abilità unica a far immergere il lettore nella stori Sembra uasi viverla davvero in prima persona e uindi la scelta di utilizzarla è assolutamente appropriata Anche la protagonisa sembra usi di poterla toccare con mano nella sua semplicità tabagista e caffeinomane potrei essere io e non saperlo P per citare solo due lati della sua persona che si compone però di altre infinite sfumature tutte da scoprire Ma è anche un po' insicura di se stessa sebbene cerchi di celare uesta sua insicurezza sotto l'acidità e l'odio per il mondo Etienne Parliamo di Etienneuesto rgazzo che ai nostri occhi non può che sembrare il bello ed il dannto uno stereotipo inserito in un sacco di romanzi ma che vediamo cambiare sotto i nostri occhi incollati alle parole di Silvia Etienne è a mio parere il punto forte di tutta la storia il personaggio con più carisma di tutto il libroLo vediamo stto il punto di vista di Régi che non ha mai buoni pensieri per lui se non fosse che diciamocelo è anche un po' ossessionata da lui Essendo il libro scritto in prima persona ecco che stereotipiamo il personaggio di Etienne nello stesso modo in cui lo fa Régi e proprio uando per forza di cose devono dialogare tra loro ed avere un rapporto vedremo Etienne sotto un'altra luce Ed anche lui sotto uell'apparenza di ragazzo bello e dannato perfetto in ogni cosa si cela un animo più fragile con infiniti strati di colori Il lettore può fare solo una cosa volerne spere di più sul suo contoParliamo chiaro Etienne ha un cuore d'oro che cerca di nascondere sotto una coltre di apparenza Ogni giorno incontriamo uomini che cercano di celare il loro vero carattere davanti agli altri Etienne è un ragazzo molto riservato ed il rapporto che ha con i genitori nonché il rapporto che vede legare i due genitori lo hanno portato alla conclusione che non deve mai lasciarsi andare uindi tramite gli occhi di Régi lo vediamo sempre un po' vago lascivo misterioso proprio perché uesto suo modo di fare è ormai radicato dentro di lui tanto da rendere difficile decifrarlo Esattamente come succede a Régine la cui insicurezza la porta ad aspettarsi sempre il peggio soprattutto da Etienne il uale ha sempre mostrato al mondo la sua parte irriverente e da donniaiolo nascondendosi dietro battute a sfondo sessualeL'insicurezza di Régi la si può uasi toccare con mano leggendo il capitolo ventisei Sentivo la frustrazione prendere il controllo su di me Avrei voluto piangere e dirgli che non volevo più vederlo ma mi trattenni e cercai di essere forte Non volevo che vedesse uanto mi stava ferendo non volevo fargli capire che in realtà mi importava che avrei voluto davvero stare con lui Faceva male ma era un dolore psicologico l'ennesima crepa tra le crepe solo un altro taglio che sarebbe guarito con il tempo Potevo sopravvivere ad un rifiuto mi ero preparata ero partita prevenuta e ora avrei sofferto solo la metà Régi non pensa mai nemmeno per un secondo che lei possa valere ualcosa e si nasconde dietro uel muro di acidità che però si sta pian piano sgretolando Non può più far finta di nulla trasformare l'attrazione che prova per Etienne in odio come faceva una volta perché ora sono troppo legati E se prima poteva farlo visto che le loro interazioni erano sporadiche nelle uali poi non si dicevano nulla ora n Perché lo sta conoscendo giorno dopo giorno e ciò che sta imparando a conoscere le piaceTutto ciò lo si può comprendere dal capitolo venticinue dove il lettore può anche capire uanto Etienne sia pieno di sfumature Sebbene la prima persona per uesto libro sia una scelta assolutamente efficacie fa anche sì che si pecchi di caratterizzazione dei personaggi uesta non è una critica in uanto penso che Possessum avrebbe perso molto se fosse stato scritto in terza persona ma è un dato di fatto in uanto il lettore empatizza totalmente grazie alla bravura della scrittrice con la protagonista facendo sì che un po' di perda la vera caratterizzazione degli altri personaggi Silvia però è stata fantastica perché sebbene si passi dal vedere Etienne un sonnaio superficiale e super bello le cui donne non riescono a resistergli si riesce a capire che probabilmente non è così che Eti è pieno di sfumature che devono essere scoperteRégi lo vede in uella maniera perché ne è attratta ma non vuole cedere uindi lo dipinge con colori che tendono a sminuirlo che decide lei E soltanto uando per forza di cose deve stare a contatto con lui una parte di uel dipinto si illumina di colori che Régite a posteri non avrebbe mai utilizzato cercando di convincermi che Etienne era davvero un dado a più facce e che se lo avessi conosciuto meglio avrei scoperto che almeno cinue su sei mi sarebbero piaciute Forse era che lui così forse ero io che mi ostinavo a vederlo da un'angolazione sbagliata e così invece di vedere tre teste riuscivo a rimirarne solo una la peggiore Ed è effettivamente così La sua vera caratterizzazione è ancora tutta da scoprire perché Régi lo nascondeva sotto strati di stereotipiMa non è solo la coppia sebbene sia importante ad essere protagonista del libro Ce ne è un'altra ugualmente importante e tutta da scoprire Proprio per uesto motivo finisce un po' in secondo piano perché esattamente come i protagonisti li conosciamo davvero poco a poco e sono il fulcro del mistero paranormale del libroDi solito uando si parla di possessioni ci si trova ad odiare colui che possiede ma mi ritrovo a dire che non è uesto il caso Ci si preoccupa per Régine per ciò che sta attraversando insieme ad Etienne ma non si riesce ad odiare perché tramite le scene inserite dalla scrittrice si può comprendere uanto uell'antichità sia umana E uesta è una cosa che apprezzo tantissimo Silvia riesce con la sua bravura a rendere umano ualsiasi personaggio rendendoli davvero veri Possessum è una lettura che vi coinvolgerà totalmente e che vi farà chiedere sempre di più Diventerà uasi una droga alla uale non staccarsi mai e lascerà un senso di vuoto nel momento in cui si leggerà l'ultima frase del libroLa leggerete e direte Ed ora come farò ad aspettare il secondo volume Silvia SCRIVIHHHHDevo aggiungere comunue ualcosa sull'edizione da me acuistata e che se deciderete di comprare il libro avrete anche voi tra le mani Purtroppo è piena di errori di battitura e uesto per uanto mi riguarda fa scendere di una stellina il voto Sembra uasi che l'editore non abbia avuto voglia di rileggere la bozza o di trascriverla correttamente Ci sono pagine con più errori di altri altri capitoli con nessun errore però dà fastidio vedere come sia stato trattato Spero vivamente che se faranno una seconda edizione correggano tutti gli orrori che hanno disseminato nelle pagine Uno fra tutti che mi è rimasto impresso è un aula senza apostrofo Sono errori stupidi di battitura che però sommandoli con tutti gli altri portano a rallentare la lettura e a chiederti perché degli editori dovrebbero curar così poco gli scritti che vogliono portare in commercio E uesto è un vero peccato per la bellezza del libro della copertina della storia nella uale il lettore si vuole immergere

Silvia A.G. Mirth º 5 Summary

Lo scavo che ritrovano un’antica urna cineraria di origine etrusca Da uel momento i loro destini saranno legati inesorabilmente Infatti legati da entità invisibili Règine ed Etienne si ritrovano a combattere un nemico di cui non conoscono nemmeno il nome o la forma e uello che era nato come un gioco si trasforma lentamente in un vero e proprio in. Recensione completa su è un mistero che uesta recensione la scriva io in solitaria considerando che si tratta del romanzo d'esordio della mia compare Vincere facile Non proprio Silvia sa che farsi dare un giudizio da me significa entrare in un labirinto contorto dato che difficilmente mi accontento e riesco a trovare il pelo nell'uovo anche uando non c'è Ma non siamo ui per giudicare le sue scelte o le mie fissazioni ma per parlare un po' di PossessumUna cosa che subito si nota dalla trama è la sua incredibile omogeneità Se tendenzialmente le protagoniste degli young adult si ritrovano in un mondo per cui non hanno mai provato interesse in Possessum ci si immerge immediatamente nel mondo dell'arte e dell'archeologia facendoci in ualche modo ricordare tutto il mondo mitico e divino delle antiche civiltà prima che uesto abbia di fatto un ruolo fondamentale Insomma uno scavo a Cerveteri e un titolo evocativo come “ Possessione ” danno subito un'idea di che cosa ci si aspetta no Eppure tutta uesta anticipazione non rovina per niente l'effetto sorpresa del libroPossessum è un romanzo il cui giusto genere è “ paranormal–thriller ” un nome poco usato in Italia e che fa paura perché insomma a meno che non si è nipoti di Tim Burton ualcosa di paranormale e thriller allo stesso tempo non è necessariamente sinonimo di “ lettura piacevole ”E già ui si può notare la prima peculiarità di Possessum è un romanzo che non annoia e non mette necessariamente ansia o meglio la mette nei punti giusti al momento giusto e con le giuste uantità Leggere un thriller e perdere il filo del discorso perché si è troppo ansiosi di sapere è facile tanto uanto saltare le righe per giungere alla conclusione della scena Possessum ti accompagna per mano alternando giusti momenti di tensione con altri apparentemente normali ma non per uesto inutili lasciandoti di volta in vola a bocca aperta Nato per rompere certi schemi e per iniziare ad introdurre delle sincere differenze nella letteratura dedicata ai giovani 18 25 anni con la giusta elasticità che abbraccia sia più piccoli che più adulti i protagonisti appaiono perfettamente normali e uasi scontati nella storia abbracciando anche alcuni stereotipi come il biondo perfetto ma poco dopo le prime righe si finisce per essere affezionati a Régine ed Étienne e i personaggi tipo di cui sopra iniziano a mostrare nuove peculiarità diventando unici nel loro genereScrivere di libri dove i protagonisti specialmente femminili sono forti intelligenti che rispettano se stessi e i loro principi ma sono pronte a buttare tutto all'aria è ualcosa di visto e rivisto e francamente come lettrice inizia a dare abbastanza noia Le “ giovani donne ” che in tre capitoli riscoprono la loro vera natura e dal niente diventano le eroine del mondo penso a Clary che non sapeva fare niente a Katniss che aveva le capacità fisiche ma non credo abbia mai fatto delle scelte davvero intelligenti a Tessa che non sa cosa vuole dalla vita e a Mara Dyer hanno iniziato a stancare La differenza tra tutte ueste protagoniste e Régine sta nel fatto sostanziale che Régine si presenta come una persona molto più comune delle altre sue compagne protagoniste e solo in un secondo momento è la protagonista di un paranormal romance È acida e testarda e antipatica come una uantità considerevole di parigini parlo per esperienza e ha una profonda fiducia nelle sue conoscenze nel suo scetticismo e nei suoi valoriDiscorso simile per Étienne la cui colpa è essere un donnaiolo e Régine lo odia principalmente per uello vero ma lo detesta anche perché non segue con dedizione i corsi in università come fa lei che gioca a Candy Crush invece che prendere appunti eppure riesce bene negli esami e non perché sia estremamente intelligente ma perché studia nonostante tutto Viene ribadito che Régine lo odia perché lo ritiene estremamente fastidioso come persona chi non troverebbe fastidioso un tipo che legge un passo del marchese de Sade di mattina e i suoi comportamenti da tira e molla con le ragazze le rammentano brutte esperienze Ovviamente sono tutte cose che pensa senza averlo conosciuto tirando le somme in modo prematuroLa relazione che si instaurerà poi è delicata tanto uanto profonda e può essere letto da diverse angolazioni Altro punto fondamentale di Possessum niente è ciò che sembra ed è un tema ricorrente nel corso della storia che tira letteralmente scemi i lettori ma sarà vero o è una bugia La scrittrice mi sta prendendo in giro Régine mente Boh Ma chi è esattamente la protagonista Inoltre il libro essendo scritto in prima passata è filtrato dal personaggio di Régine futuro che uindi decide cosa scrivere e come scriverloAlcuni possono definire la trama lenta ma bisogna ricordare che si tratta del primo di una trilogia e che la storia è stata concepita per essere trattata su appunto tre libri Prima di aizzare forconi e torce bisognerebbe rendersi conto di cosa si sta leggendo Possessum getta le basi per una storia molto più importante ed avvincente di uella che si legge nel primo libroL'arte è un tema ricorrente continue citazioni e rimandi a culture antiche non solo l'etrusca punto fondamentale della trama ma anche a uella greca si ricorda l'adorabile gatta di Étienne ai uadri che hanno fatto la storia dell'arte e persino alla musica che uando viene citata calza perfettamente con il momento sia per le parole della canzone scelta che per la sua melodiaLe parole vengono anch'esse scelte con cura creando talvolta giochi di suoni che aiutano a rendere meglio l'atmosfera È difficile spiegare il modo in cui Possessum travolge il lettore perché le scelte stilistiche fatte da Silvia autrice della storia e Régine autrice del racconto che si va a leggere sacrificano alcune descrizioni la Parigi in cui Régine è nata e cresciuta inutile da raccontare considerando che la protagonista la conosce come le sue tasche per recuperarne altre dando una chiara immagine di luoghi inesplorati e situazioni inaspettate Nonostante tutto però lo stile rimane sempre crudo ma violento più nei gesti che nella forma alternandosi a momenti di tenerezza e di suspanse uasi caleidoscopiciSebbene il primo libro sia solo un'anticipazione della reale storia che si svilupperà nei volumi successivi c'è un tono moraleggiante e uasi critico in Possessum uello di Régine è il ritratto di una ragazza moderna in un mondo moderno dove purtroppo si pensa prima a se e poi agli altri Lei stessa fatica a confidarsi con le persone – tanto che Étienne rimane la sua unica spalla e tiene tutto il suo dolore riservato mascherandolo da sciocchezze uando in realtà si tratta di ualcosa di più profondo uesta “ Possessione ” di cui si parla nel romanzo potrebbe essere ualsiasi cosa perché di fatto banalizzandola è solo un profondo malessere di cui soffre Régine ma che non ha il coraggio di condividere con gli altri perché nel profondo immagina che nessuno la capirebbeNon è tanto poi diverso da determinati malesseri interiori che sempre di più colpiscono i giovani del secondo millennio e sempre meno vengono condivisiPossessum è anche un racconto di fiducia in se stessi e negli altri Il modo di abbandonarsi di Régine su Étienne è uasi tenero come il suo accoglierla con dolcezza sembrando uasi un'altra persona rispetto a uella che la ragazza pensava Può sembrare debole certo ma si sente sopraffatta chi non cercherebbe aiuto nell'unica persona che può capirlaE nonostante uesto sebbene Étienne possa sembrare l'effettivo eroe della situazione si avverte in alcuni punti che nemmeno lui se la passa così bene e che non è infallibile o un super–eroe o in ualche modo il suo male è minore rispetto a uello di Régine Anche ui la prima persona del romanzo nasconde certi dettagli o falsa le notizie facendo sembrare Étienne molto più forte di com'è ma uesto perché è Régine che parla e Régine conosce meglio uello che è successo a lei Il ragazzo è molto riservato e il fatto che le notizie che corrono su di lui non corrispondono pienamente alla verità e lui non si sforzi nemmeno di smentirle è indice di uanto ci tenga alla sua integrità e creda solo in uello che sente L'opinione degli altri conta appena – ma con le dovute eccezioni E poi beh Étienne è una cavolo di testa dura che non fa altro che rispondere con battutine assurde a domande serie sviando l'argomento o fingendo non esista nessun problema e io lo amo per uesto Dal mio punto di vista è un romanzo originale per i suoi contenuti e contorto per i suoi personaggi – i protagonisti non sono solo Régine ed Etienne ma anche altre figure su cui si cambia continuamente opinione e dalla loro comparsa ci si inizia già a chiedere se sono antagonisti vittime di ualcos’altro semplici macchiette confondendo e intrappolando il lettore in ualcosa di nuovo diverso dal fantasy ma con la stessa potenza coinvolgente

Read & Download Possessum (Possessum, #1)

Possessum (Possessum, #1) Summary ✓ 105 Ï Règine Imbert ha vent’anni parigina doc e studentessa di Arti e Beni culturali alla Sorbona partecipa assieme ad un gruppo del corso di archeologia ad uno scavo a Cerveteri in Italia Tra gli studenti c’è Etienne giovane dell’alta società parigina che Règine malsopporta I due ragazzi venRègine Imbert ha vent’anni parigina doc e studentessa di Arti e Beni culturali alla Sorbona partecipa assieme ad un gruppo del corso di archeologia ad uno scavo a Cerveteri in Italia Tra gli studenti c’è Etienne giovane dell’alta società parigina che Règine malsopporta I due ragazzi vengono accoppiati per il laboratorio ed è proprio durante. uando ormai ualche tempo fa ho deciso di acuistare Possessum l’ho fatto come si suol dire a scatola chiusa L’ho preso senza informarmi per bene di cosa trattasse semplicemente mi sono lasciata guidare dal mio istinto come faccio sempre uando si tratta di libri e dal fatto che a scriverlo fosse ualcuno che conoscevo che con i suoi stati era arrivata ad incuriosirmi sempre di più 3 E alla fine sfruttando l’autogestione sono riuscita a iniziarlo Non sono brava con le recensioni commento ma farò del mio meglio per riuscire ad esprimerti tutto uello che provo nei confronti di uesto libroSPOILERPer riassumerlo in breve l’ho amato L’ho amato nel modo in cui si amano i libri da cui non vuoi più staccarti l’ho amato come pochi libri e non lo dico così per dire eh poichè a un certo punto mi sono resa conto di come avesse uegli elementi che mi piace sempre trovare in un bel romanzo una storia d’a ben fatta e un mistero che mi tiene incollata alle pagine che mi spinge a leggere parola dopo parola e provare per la storia lo stesso senso di attaccamento che Régine prova per ÉtienneMa riassumere in così poco Possessum sarebbe un eufemismoDa cosa partire uindi Direi che una delle cose che in assoluto mi ha conuistata di più è stata Régine E’ badass un po’ acida e con il bisogno di ualcuno che le impedisca di prendere a male parole chi la provoca come me in un certo senso visto e considerato che anche io ho la mia Corinne personale 3 è in poche parole uel tipo di personaggio a cui mi affeziono a prima vistaE allo stesso modo mi sono innamorata di Étienne di come riesca a farla “scogliere” e ad essere se stessa di come sia lui un personaggio dinamico e meraviglioso che riesce a rimanere se stesso anche nel suo cambiare nel donare completamente il suo cuore a Régine come mai prima d’ora aveva fatto con nessun’altraE’ dolce come un principe azzurro dei libri ma un po’ coglione come i ragazzi della realtàHo amato proprio il loro rapporto santo cielo ho amato come riuscisse a essere così perfetto nella sua imperfezione come riescano a trovare i loro momenti felici anche nel mezzo di una situazione che di felice non ha proprio niente Il loro a è bello proprio per uesto perché riesce a unirli nel bene e nel maleHo adorato comunue ogni loro singola scena dalla serata all’Opera con lei che lo aiuta durante la sua crisi che riesce a starli vicina uando lui vorrebbe soltanto potersi muovere sulle sue gambe ed essere forte per entrambi ai baci rubati prima di lasciarla scendere dall’auto Mi hanno rubato il cuore srsMi sembra doveroso comunue parlare un attimo di Evan e Vanth Ammetto sinceramente che man mano che andavo avanti e leggevo le parti riguardanti i sogni che sono un vero capolavoro lasciatelo dire ero sempre più curiosa di sapere cosa fossero Sapevo che c’entrava il vaso e gli etruschi ma uando sono arrivata finalmente a capire di cosa si trattasse davvero e la loro storia mi son sentita un attimo morireE’ così tragico e allo stesso tempo meraviglioso con lei che riesce a vedere il modo in cui le persone moriranno UESTA COSA E’ TIPO UNA GENIALIATA E L’HO AMATA TANTISSIMO e che si sente morire uando capisce che anche lui che doveva essere immortale un giorno moriràE poco dopo mi sono accorta di come le pagine andassero a diminuire sempre di più E più andavo avanti e più ero in ansia; perché come accade nel season finale di ogni serie tv che si rispetti il peggio accade sempre negli ultimi due secondi della puntata Devo dire infatti che su uesto punto non mi hai proprio delusa inserire emoticon arrabbiate e in lacrime C’è stato un crescendo delle crisi di Régine dei suoi incubi e delle sue azioni che ha portato all’inevitabile Ammetto almeno all’inizio di aver davvero creduto che avesse ucciso Étienne tanto che stavo per andare a preparare i forconi per venirti sotto casa ma man mano ho iniziato a sospettare che sarebbe finito come poi è finito Il problema è che avere un’idea di cosa sarebbe successa non mi ha aiutato a superare la cosa più facilmente per niente ;;Che poi il solo pensiero che Régine sia lontana da Étienne dall’unico che la capisca dall’unico che sa davvero cosa sta passando MI HA LETTERALMENTE SPEZZATO IL CUORE inserire altre lacrime Con Vanth che incombe su di lei mentre io ancora non ho capito cosa vuole davvero e sclero malissimo e nessuno che possa aiutarla oltretuttoTi rendi conto di uanto sia bastarda uesta cosa eh punto a favore tuo tutti gli autori dei miei libri preferiti hanno una vena sadica ;;E ci sarebbero mille cose da elencare che ho adorato Clio e Hugo in primis il padre di Régine il rapporto tra lei e i fratelli ma una è uella che secondo me è la più importante sei riuscita a rendere il tutto in modo estremamente realistico a far capire come anche davanti a un fenomeno inspiegabile si cerchi sempre una spiegazione razionale E ho adorato appunto il fatto che tu non hai fatto ricorsi a stupidi clichè ma hai creato ualcosa di unico e originale sfruttando gli Etruschi anche se adesso avrò il terrore di Cerveteri e dei vasi ma vbb Lo so che ho ripetuto la parola amato non so uante volte ma non potevo farne a meno E niente adesso ho una domanda importantissima dove posso trovare delle anticipazioni del prossimo Ne ho bisogno come dell’aria al momento ;; 3Concludo dicendoti grazie per uesto mondo meraviglioso e sopratutto per Régine e Étienne